Vincenzo De Luca: La “ribollita”, ricordo o trauma della naia a Pistoia?

In questi giorni ha tenuto banco, dai social a “Crozza”, la querelle di Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania e Pistoia. Tema la presenza Hitachi in Italia, con battute enogastronomiche. Pistoia, città conosciuta bene da De Luca, nel 1972 giovane e aitante “Lupo di Toscana”

Caserma Marini Pistoia 1972 gabbia Lupi di Toscana

Dopo aver svolto il CAR alla Caserma “Antonio Cavalleri” di San Giorgio a Cremano, Napoli, dove ottiene il diploma di marconista, il 23enne De Luca viene preso in forza dal 2° battaglione del 78° reggimento Lupi di Toscana, di stanza alla Caserma Marini di Pistoia. Il quegli anni la leva era 15 mesi, ne trascorrerà 12 a Pistoia.

Nel 1972 Napoli, Pistoia e l’Italia erano sicuramente ben diverse (ovviamente senza considerare il Covid …..).

Se Pistoia sicuramente non offriva distrazioni e luoghi di incontro e aggregazione per i giovani (militari e non) a Napoli i tentativi di (ri)nascita industriale vivevano momenti di difficoltà (o di fallimenti …..). Nel 1972 iniziava, ad esempio, la produzione dell’Alfasud, una vettura dalle tante potenzialità “distrutte” dalla tendenza precoce alla ruggine.

Nel contempo la mensa della Caserma e le trattorie del centro proponevano piatti, come la ribollita e magari la pappa al pomodoro, di poco gusto per il palato di un giovane abituato ai gusti forti della cucina campana.

Cucina campana ricca di gusto e piatti: singolare che nella sua querelle il Presidente abbia confrontato la ribollita alla genovese. Piatto sicuramente dal gusto forte (carne e cipolle): sicuramente campano ma non nel nome: GENOVESE!

Caro De Luca, in Campania avete tanti bei piatti, vostri anche nel nome.

Photo: credits to 78°RGT Lupi di Toscana

Le informazioni sul servizio militare del dottor Vincenzo De Luca sono state reperite on line.